Teatro

8 articles in category Teatro / Subscribe
https://www.flickr.com/photos/23008537@N05/

Nella sua introduzione alla messa in scena da lui diretta e interpretata, Elio De Capitani scrive: “Pensavo che il tema di Morte di un commesso viaggiatore fosse la menzogna e invece è l’apparenza, quel ‘far finta’ che non è altro che la perenne costruzione di noi stessi per come vogliamo apparire”. Certo è che l’apparenza è un dei temi cardinali del dramma …

Read more →
https://www.flickr.com/photos/23008537@N05/

Innanzi tutto sgombriamo il campo da possibili malintesi: la scelta di Zingaretti di mettere in scena il dramma di Alexi Kaye Campbell (alias Alexi Konoudouros) – scelta che lo stesso Zingaretti ha rivendicato come una precisa impostazione di attività sul campo- è di capitale importanza, in questa fase storica e , in particolare, in Italia. Dove, al di là delle …

Read more →
https://www.flickr.com/photos/23008537@N05/

Scritto nel 1968 e tradotto e rappresentato l’anno successivo in Italia da Raf Vallone (con Mario Scaccia) – messa in scena che non ho visto e di questo mi dispiaccio moltissimo-, il dramma di Arthur Miller Il prezzo  torna sulle scene italiane  per la traduzione di Masolino D’Amico e la regia di Massimo Popolizio. In un appartamento di un palazzo che sta …

Read more →
https://www.flickr.com/photos/23008537@N05/

Tra i tanti omaggi a Pier Paolo Pasolini, a quarant’anni dalla tragica morte, un posto di prima fila per qualità e originalità di angolo di lettura spetta alla testimonianza Sono Pasolini di e con Giovanna Marini. Un pezzo teatrale scarno e essenziale, che rifugge da una lettura a tutto campo della vita del controverso intellettuale e si concentra invece su alcuni aspetti, …

Read more →
https://www.flickr.com/photos/23008537@N05/

Da Cordova a Napoli; dalle corride ai cantanti neomelodici; da gitana a sottoproletaria, un po’ amante e un po’ puttana, come si autodefinisce in apertura: la Carmen (Iaia Forte) di Moscato e Martone non è una zingara leggera e volubile, ma una donna a tutto tondo che si vuole sentire libera e padrona del suo corpo e del suo destino. Ricorda …

Read more →
https://www.flickr.com/photos/23008537@N05/

Se il tema dominante dello Snow Show di Slava Polunin è la leggerezza malinconica propria dei grandi mimi e dei grandi clown, in una sequenza di quadri in cui domina la levità dei gesti e la monotona ripetitività dei movimenti ( sempre scontati ma sempre divertenti), la grandezza è in alcuni passaggi forti, dai ritmi più serrati e per questo …

Read more →
https://www.flickr.com/photos/23008537@N05/

Se il Rigoletto fosse solamente Questa o quella…, Bella figlia dell’amore e La donna è mobile sarebbe un capolavoro, comunque. Ma in più c’è una storia intensa e ricca di colpi di scena (Le Roi s’amuse), scritta da Victor Hugo, il quale – come sempre- non si limita all’intreccio ma sferza con sagace lucidità una concezione della vita e della società personificata dalla Corte reale, …

Read more →
https://www.flickr.com/photos/23008537@N05/

Le voci di dentro è forse il pezzo teatrale più pirandelliano di Eduardo De Filippo. Tutto si svolge e si sviluppa sulla base di un equivoco, di un sogno:  Alberto Saporito (Toni Servillo) sogna che i vicini – una famiglia  piena di miserie umane portate con piccolo-borghese dignità- abbia commesso un delitto efferato, uccidendo una persona (un amico) e facendo …

Read more →